La Carta dei Vini

Campania Felix. La nostra regione veniva chiamata così per la fertilità dei suoi terreni vulcanici, in cui tutte le coltivazioni prosperavano, specie quelle da frutto e quindi la vite. Ma la Campania si distingue dalle altre regioni anche per aver mantenuto nei secoli una grande varietà di vitigni autoctoni che hanno dato vita a vini famosi. Non ci riferiamo solo a quelli celebrati dai romani, come il Falerno o i vini di Ischia, ma anche e in particolare a quelli prodotti nell’entroterra nelle zone di Benevento ed Avellino, dove sono concentrate attualmente le maggiori conoscenze in agronomia e tecniche di vinificazione. Enograficamente, le zone interessate e presenti nella nostra carta dei vini sono quelle di Benevento, Avellino, Caserta, Campi flegrei, Penisola Sorrentina, Costiera Amalfitana, Salerno fino al promontorio montuoso del Cilento. Una strada del vino che attraversa la nostra regione per scoprirne i vini tipici e maggiormente conosciuti e che, a seconda della zona, esprimono caratteristiche di finezza o di carattere differente. Ma anche vini antichissimi e da sempre presenti nella nostra regione come ad esempio l’Asprinio, introdotto in Campania dagli Etruschi e finalmente tornato in auge e o il Pallagrello nero. La nostra regione è veramente ricca di storia, cultura, natura e creatività, e le prime produzioni spumantizzate, sia con metodo classico che charmat, giustificano l’ultimo aggettivo usato.

Scarica la Carta dei Vini

Back to services